Il PIL misura la qualità della vita? (2 – la felicità di Layard – in dettaglio: la Felicità Interna Lorda)

Er Post

Articolo precedente: Il PIL misura la qualità della vita? (1 -il paradosso di Easterlin)

Negli ultimi trent’anni gli psicologi hanno cominciato a misurare l’infelicità delle persone per capirne le cause. Inoltre con le conquiste della neuropsicologia  gli scienziati hanno identificato le regioni del cervello che vengono attivate quando una persona è più o meno felice. Questo è un risultato importante, in particolar modo per gli economisti, in quanto è possibile confrontare la felicità di una persona con un’altra. Si può perciò incominciare a parlare in modo obiettivo di felicità e pertanto si deve fare attenzione a quanto le persone ci dicono. A tal riguardo è interessante confrontare le risposte, date oggi e cinquanta anni fa, alla domanda: Quanto sei felice? Facendo tale confronto si vede che per il mondo sviluppato non è aumentata la percentuale di felicità, inoltre non si hanno dati su una diminuzione della depressione ed ansia cronica, ed…

View original post 1.916 altre parole

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...